Categorie
Hevia

Guida rapida alla scelta dell’asciugamani elettrico, dal più prestante al più economico.

Gli asciugamani elettrici si stanno diffondendo sempre più, questo perchè sono la soluzione a diversi problemi che i ristoratori, albergatori e direttori di strutture pubbliche hanno riscontrato nel tempo.

Innanzitutto uno dei maggiori ostacoli è la cura del bagno. Grazie all’asciugamani elettrico è possibile mantenere il bagno pulito e igienizzato costantemente senza preoccuparsi di avere carta mani bagnata per terra. Diversi gestori che hanno installato un asciugamani elettrico riscontrano il vantaggio di non doversi più preoccupare di riempire dispenser di carta mani esaurita e di avere il magazzino pieno zeppo di scatoloni con la carta asciugamani.

Infine è bene considerare l’aspetto economico. Se si analizza la spesa di energia elettrica e carta mani, a parità di persone che utilizzano il bagno, si noterà che l’inclinazione al risparmio si ha decisamente con un erogatore d’aria.

Quale modello fa al caso tuo

In commercio vi sono differenti modelli di asciugamani elettrici.

Principalmente si distinguono per l’utilizzo che se ne andrà a fare, e questo dipende dalla tipologia di locale pubblico in cui andranno installati. La scelta del giusto asciugamani elettrico è fondamentale in quanto la soddisfazione di un cliente deriva in buona parte dall’esperienza che ha nei bagni. Una cura e una pulizia accurata del bagno rende il ristorante o il bar un ambiente più piacevole, soprattutto per il genere femminile.

Se non sai quale asciugamani elettrico acquistare per il bagno della tua attività prenditi 2 minuti e leggi quanto segue.

Ristoranti & Bar

Se sei gestore o titolare di un ristorante o di un bar con un’ampia clientela, la soluzione più congrua sarà optare per un asciugamani elettrico super veloce. Questo eviterà lunghe code in bagno e manterrà la stanza pulita durante tutto il corso della giornata. Gli asciugamani di questa categoria sono dotati di motori di ultima generazione che danno vita ad una vera e propria lama d’aria che, a seconda del modello, asciuga le mani in 8-15 secondi. Tutta questa potenza è sprigionata da motori a bassa rumorosità, e questo è possibile grazie alle nuove tecnologie sviluppate recentemente.

Tendenzialmente anche i consumi di corrente sono ridotti, infatti si aggirano intorno ai 1.100 Watt, quindi 0,10 €/h.

Asciugamani elettrici con tali prestazioni hanno costi d’acquisto che si aggirano dai 200,00 € ai 750,00 €

Per scoprire maggiori dettagli sugli asciugamani elettrici di ultima generazione puoi cliccare a questo link, troverai tutte le informazioni che ti serviranno.

 

 

 

 

 

Palestre & Aziende

Gli asciugamani elettrici per questo tipo di attività sono tendenzialmente più robusti e meno costosi, in quanto devono assolvere un compito duro e continuo per tutta la giornata. Sono dotati di scocche antivandalo e motori a basso consumo energetico.

E’ possibile avere asciugamani sia a pulsante che a fotocellula, il tempo di asciugatura mani è comunque molto basso, nonostante il prezzo d’acquisto sia inferiore rispetto ai modelli sopracitati.

Il costo medio per l’acquisto di un asciugamani elettrico si aggira intorno ai 200,00 €.

Per scoprire tutti i modelli non devi fare altro che andare al seguente link.

 

 

 

 

 

Ospedali, biblioteche & musei

Gli asciugamani elettrici di questa categoria si caratterizzano per un basso impatto sonoro, infatti hanno una rumorosità di circa 67 dBA, a seconda del modello.

Questi modelli sono dotati di motori più piccoli e dalle prestazioni contenute, il che si traduce in tempi di asciugatura mani di circa 30-35 secondi. Un tempo comunque ridotto se si pensa che questi asciugamani elettrici vantano dimensioni compatte.

La spesa per l’acquisto di un asciugamani elettrico con queste caratteristiche si aggira intorno ai 100,00 €, per vedere tutti i modelli vai al link.

Se hai bisogno di assistenza o qualsiasi informazione non esitare a contattare il nostro servizio clienti. Una persona dedicata ti guiderà durante la fase di scelta e di acquisto.

Categorie
Hevia

Cosa mettere sotto la piscina fuori terra Bestway?

Quello che devi sapere per posizionare una piscina fuori terra seguendo i consigli dell’esperto…

Le piscine fuori terra Bestway sono più pratiche ed economiche di quelle interrate, si possono installare in poche ore e non richiedono costi alti di manutenzione.

E’ fondamentale però capire dove posizionare la piscina e come rendere sicura la zona che la ospiterà. Tieni presente che la piscina può contenere diverse migliaia di litri d’acqua, e considerando che 1000 litri corrispondono a 1000 kg di peso è importante che il basamento sia sicuro e stabile.

Piscina Fuori Terra Bestway 56475

Proprio la stabilità un elemento imprescindibile, anche per la sicurezza di chi poi la userà. Pertanto quando si individua la zona dove andrà installata la piscina Bestway è importante determinarne se vi siano pendenze o parti cedevoli del terreno che potrebbero far crollare la struttura sotto il peso dell’acqua.

Vediamo ora dove è possibile posizionare la piscina fuori terra e come farlo al meglio!

1. Erba

Per posizionare la piscina fuori terra Bestway sul manto erboso bisogna necessariamente per prima cosa assicurarsi che non vi siano asperità, foglie, sassi, rami o radici che possano in qualche modo rovinare e rompere il telo della piscina. Per identificare meglio e più velocemente eventuali detriti è importante tagliare l’erba nell’area che andrà ad occupare la piscina, e poi controllare bene la zona.

E’ comunque consigliato stendere un telo pacciamatura, ossia un telo anti erbacce sopra al quale è possibile posizionare un telo di gomma o pvc al fine di proteggere la piscina e scongiurare qualsiasi rischio di foratura.

2. Sabbia

La sabbia è sicuramente una scelta pratica ed economica, permette di avere una superficie liscia e senza asperità. Tuttavia bisogna tenere in considerazione che con il tempo potrebbe risultare instabile e creare danni alla struttura della piscina stessa.

Innanzitutto è necessario fare uno scavo di una decina di centimetri, dopodiché è possibile versare la sabbia fino a raggiungere il livello del terreno. A questo punto si procede compattando la sabbia, è bene farlo con cura per evitare poi che la sabbia possa spostarsi sotto il peso dell’acqua. Serviti di un rullo e se necessario puoi mischiare del cemento in modo da rendere il tutto più stabile.

Infine stendi il telo anti erbacce (telo pacciamatura) così da evitare la crescita dell’erba.

3. Cemento

Soluzione meno economica ma più duratura è un basamento in cemento. Creare una superficie piana, priva di asperità e liscia è un gioco da ragazzi con l’uso del cemento e magari inserendoci poi delle piastrelle renderai ancor più bello il giardino. Ovviamente questa soluzione è più costosa rispetto a quelle indicate poc’anzi, ma non necessità di particolari cure o attenzioni.

Se sei indeciso su quale sia la migliore scelta per la tua piscina contattaci un nostro esperto ti aiuterà passo passo.

Puoi acquistare la tua nuova pisicna fuori terra Bestway a questo link.

Categorie
Hevia

Guida all’acquisto della colonna doccia ideale per il tuo benessere!

Introduzione

Colonna doccia o Set doccia?

Questa è la domanda che spesso la gente si pone tuttavia non sapendo quali siano tutte le differenze che distinguono le due cose. E’ importante fare una distinzione dal momento che entrambi non soddisfano tutte le esigenze dell’utilizzatore.

Innanzitutto è bene comprendere cosa sia una colonna doccia e cosa sia un set doccia:

  • Colonna doccia: essa consiste nella maggior parte dei casi in un pannello dotato di un ampio getto e di un doccino utilizzato specialmente dalle donne qualora non vogliano bagnare i capelli durante la doccia, ed è dotato di miscelatore integrato. I pannelli doccia possono anche avere getti massaggianti, diventando così più complessi e costosi.
  • Set doccia: consiste in 3 componenti, ossia un doccino detto anche soffione, un tubo flessibile e una barra saliscendi. Questa opzione può essere scelta anche nel caso in cui si voglia avere una doccia nella vasca da bagno.

I Materiali

Tutto dipende dal prezzo!

Vi sono set doccia e colonne doccia realizzati in plastica i quali possono essere acquistati a prezzi convenienti anche se ovviamente la qualità di costruzione e la durabilità dei materiali potrà essere inferiore rispetto ad altri modelli di fascia più alta. Il vantaggio della plastica è però la bassa manutenzione che richiede.

Altri possono essere realizzati in resine sintetiche, materiale impiegato negli ultimi anni per la costruzione di docce ma che si è rivelato essere molto resistente e funzionale.

Infine vi è il metallo, che può essere inox spazzolato, acciaio lucido e alluminio. Questi fanno parte della fascia più alta e di conseguenza più costosa. Spesso vengono impiegati nella progettazione di bagni dallo stile moderno e per abitazioni di lusso.

In commercio vi sono migliaia di modelli diversi costruiti con materiali differenti, spesso accade che vi siano un’unione di questi, dando vita così ad un prodotto buono ad un prezzo interessante per il pubblico.

Set doccia o Colonna doccia?

La scelta è puramente personale, tranne in alcuni casi.

Nel caso di un bagno di servizio e quindi utilizzato meramente per le necessità che assolve allora è il caso di optare per un set doccia, il quale risulta economico oltre che facile da montare e pratico.

Anche nel caso in cui si voglia installare la doccia all’interno di una vasca da bagno è più indicato un set doccia. Esso viene facilmente collegato al miscelatore già presente per la vasca ed il gioco è fatto.

Se invece si dispone di un ampio box doccia o si sta costruendo da zero una stanza bagno in cui ci si vuole rilassare, la colonna doccia è la soluzione ideale.

E se si ha la possibilità di spendere qualcosa in più, un pannello doccia con getti massaggianti è l’opzione migliore. Questa soluzione però può essere installata solamente in box doccia ampi, dove non manca lo spazio.

Una colonna doccia di classe dona al bagno modernità ed eleganza, soprattutto se in acciaio inossidabile o alluminio.

Hai deciso di cambiare il tuo vecchio set doccia con uno nuovo o desideri sostituirlo con una colonna doccia? Vieni a visitare il nostro sito e troverai il prodotto giusto per te.

Clicca su questo link e dai un’occhiata alle docce disponibili.

Categorie
Hevia

Purificare l’aria in modo semplice ed efficace si può?

Si può! Scopri come avere un’aria più pulita.

Sei stanco di avere un’aria cattiva in casa e i tuoi bimbi si ammalano di continuo? La soluzione c’è e si tratta di un semplice apparecchio chiamato purificatore d’aria. Questo piccolo elettrodomestico permette di eliminare polveri, batteri, virus, allergeni, pollini, odori e molto altro.

Ultimamente si diffondono nell’aria sempre più in maniera incontrollata sostanze che possono provocare raffreddori o allergie. Grazie all’uso di un purificatore d’aria la tua casa sarà sicuramente più salubre e pulita.

Molti sostengono che aprire le finestre basti per rendere l’aria più pulita, come quella di montagna. Tuttavia la realtà è ben diversa a causa di un inquinamento sempre più incontrollato. Oramai far cambiare l’aria alla casa è diventato impossibile soprattutto per le abitazioni situate in centri trafficati o con industrie vicine.

Fortunatamente gli innovativi sistemi di cui sono dotati i purificatori d’aria garantiscono in poche ore un miglioramento della qualità dell’aria. Filtrano migliaia e migliaia di particelle al secondo ed eliminando tutte le sostanze nocive.

 

Se ti ho suscitato un pò di interesse,  sappi che ci sono alcune cose da sapere prima di procedere con l’acquisto:

  • Portata: ogni purificatore ha una determinata portata che si misura in m². Più grande sarà la stanza, maggiore dovrà essere la portata. Un purificatore d’aria con una portata bassa non ti farà ottenere buoni risultati in un ambiente ampio.
  • Consumo: i più recenti modelli hanno al loro interno sistemi di controllo del consumo energetico. Riescono a lavorare costantemente in maniera ottimale garantendo un basso consumo energetico.
  • Portabilità: alcuni modelli di purificatori d’aria hanno dimensioni ridotte e pesi contenuti. Se si desidera pulire l’aria di più stanze, la soluzione di un purificatore d’aria portatile è quella che più fa al tuo caso.
  • Manutenzione: molti purificatori d’aria presentano filtri o parti soggette a sostituzione periodica.  Esistono tanti apparecchi che per via di una tecnologia a sterilizzazione tramite particolari processi non hanno bisogno di continue e talvolta costose manutenzioni. Questo è il caso dell’AirFree.
Cosa stai aspettando?!

Regala alla tua famiglia un’aria più sana e pulita, è semplice. Non dovrai più pensare a curare l’asma al tuo bambino e non dovrai più fare i conti con i cattivi odori che non vanno più via dai vestiti e dalla pelle.

Ideale anche contro virus e batteri.

La scelta è a portata di click!

Categorie
Hevia

Arredare con stile: le novità del nuovo anno 2020

Con il 2020 le idee per arredare il bagno sono tantissime!

E’ arrivato l’anno nuovo e con sé ha portato un sacco di novità nel mondo dell’arredo bagno.

Mobile Bagno sospeso

Parola d’ordine: modernità! I nuovi mobili bagno sono sicuramente caratterizzati da uno stile moderno, linee squadrate e nuovi materiali costituiscono il tema principale del nuovo anno.

Un aspetto su cui i designer hanno puntato è stato quello di creare mobili sospesi, molto pratici dal punto di vista della pulizia e con forme più personalizzabili rispetto ai mobili a terra.

Arredare il bagno oggi non è mai stato così semplice, vediamo di seguito alcuni modelli usciti nel 2020.

Composizione Yoka 90cm cemento

Mensola top porta lavabo da 90cm effetto cemento, con porta salviette in acciaio inox. Il lavabo da appoggio è realizzato in ceramica e l’ampio specchio in vetro è dotato di lampada a luce LED.

Composizione Yoka 90cm noce

Mensola top porta lavabo da 90cm in noce, con base da 60cm in mdf bianco con cassetto a chiusura soft close. Lavabo in ceramica da appoggio e specchio con LED perimetrale integrato.

Composizione Yoka 120cm rovere 

Mensola top porta lavabo da 120cm in mdf bianco, con base da 120cm in rovere miele con cassetto a chiusura soft close. Lavabo in ceramica da appoggio e specchio con LED perimetrale integrato.

Composizione Yoka 165cm rovere

Mensola top porta lavabo da 165cm in rovere miele, con base da 120cm in mdf bianco con cassetto a chiusura soft close. Lavabo in ceramica da appoggio e ampio specchio con luce a LED integrata.

Queste sono solo alcune delle novità di quest’anno, presto avrai modo di vederne delle altre.

Rimani aggiornato con le ultime novità e le nostre offerte iscrivendoti alla newsletter, se no sei ancora iscritto fallo subito cliccando su questo link.

Categorie
Hevia

Sfruttare al meglio un bagno piccolo si può. Ecco come…

Un bagno piccolo al giorno d’oggi non è più un problema, questo perché vi sono soluzioni che permettono di sfruttare al meglio gli spazi più angusti.

Vi sono numero accorgimenti da adottare nella progettazione di un bagno affinché sembri più spazioso di quello che realmente è. L’obbiettivo di questo articolo è proprio quello di evidenziare le possibili soluzioni per sfruttare al meglio un bagno di piccole dimensioni.

1- Come illuminare un bagno piccolo

Un elemento fondamentale è l’illuminazione, sia naturale che artificiale. E’ importante progettare il sistema di illuminazione al fine di aumentare la luminosità della stanza, la zona lavabo e specchio sono le principali. Tuttavia anche la doccia può essere dotata di faretti o lampade che ne esaltino la forma e ne aumentino la percezione di grandezza.

2- Quale mobile bagno scegliere

Il mobile bagno ideale per un bagno piccolo è a terra, questo porta il vantaggio di avere un cassetto in più o comunque un vano porta oggetti che in un mobile sospeso non si avrebbe. Anche la profondità gioca un ruolo fondamentale, nella scelta sono da preferire mobili intorno ai 40 cm di profondità, questo vi permetterà di guadagnare spazio.

Per quanto riguarda il lavabo, la miglior scelta ricadrà in uno ad incasso, o un top con la vasca già integrata, questo accorgimento porterà un grande risparmio di spazio.

Ancora, sfruttare le pareti è possibile grazie a pensili e colonne sospese che rendono lo spazio più sfruttabile. Questi complementi non devono però essere troppo ingombranti.

3- Lo specchio giusto per un bagno piccolo

La percezione di uno spazio è influenzata anche dalla presenza di uno specchio, soprattutto se quest’ultimo è di dimensioni generose. Gli specchi a tutta parete sono la scelta giusta per rendere la stanza bagno più grande.

Una tipologia di specchi da considerare sono gli specchi contenitore, ossia dei piccoli mobili, simili ai pensili, con delle ante a specchio che racchiudono all’interno dei ripiani dove porre gli oggetti. Questi racchiudono due funzioni in una, e sono spesso scelti proprio per la loro duttilità.

4- I sanitari salvaspazio

A conclusione delle soluzioni salvaspazio per il bagno ci sono i sanitari, che grazie alle nuove tecniche di costruzione possono essere richiesti anche su misura. Rispetto alle forme standard è possibile richiedere WC e bidet più contenuti.

Un ultimo trucco per ingannare la percezione degli spazi è quello del colore delle pareti. Tonalità più chiare contribuiscono a rendere la stanza, almeno visivamente, più ampia e luminosa.