I 7 consigli per pulire l’acciaio inox

Comment: 0 Hit: 252

Capita a tutti nella vita, prima o poi, di trovarsi di fronte ad un compito che lì per lì potrebbe sembrare semplice ma che in realtà cela diversi problemi: la pulizia dell’acciaio inox.               Questo materiale è presente in molti oggetti di uso quotidiano ed essendo molto duttile viene impiegato nella costruzione di svariati prodotti oramai indispensabili, tuttavia non risulta semplice trattarlo al momento della pulizia in quanto è possibile rovinarlo con prodotti chimici aggressivi che ne rovinano l’aspetto.

Come mantenere l’acciaio sempre brillante

Il segreto è presto svelato: l’acciaio, di qualsiasi tipo, teme prodotti aggressivi e strumenti abrasivi. Per evitare che si rovini basta applicare alcune semplici regole, eccole di seguito:

Regola n°1

Utilizzare sempre spugnette e panni morbidi, questi non rovinano e non graffiano l’acciaio, cosa che potrebbe accadere con altri strumenti che solitamente si usano per eliminare sporco e incrostazioni. Se devi pulire zone difficili o strette utilizza uno spazzolino da denti vecchio e vedrai che facile diventa.

Regola n°2

Indossa dei guanti di protezione quando desideri pulire l’acciaio, questo eviterà che i prodotti utilizzati irritino o addirittura siano causa di problemi alle mani. Sia che si usino prodotti naturali che prodotti industriali, e quindi chimici, i guanti sono una intelligente accortezza.

Regola n°3

Acqua – Detersivo per piatti – Aceto: non serve altro. Questi tre ingredienti sono la formula ideale per pulire ad esempio le pentole e le posate che utilizzi per mangiare. Oltre ad offrire ottimi risultati in termini di lucentezza e detersione, sono anche facili da reperire in casa in qualsiasi momento.

Regola n°4

Se desideri dare ancora più lucentezza all’acciaio, utilizzando sempre prodotti naturali, potrai usare della soda che passata con un panno o una spugnetta deterge anche il grasso presente sul fondo delle pentole

Regola n°5

Se ti trovi di fronte ad una superficie in acciaio inossidabile unta e oleosa la migliore soluzione è quella dell’aceto e limone. Ti basterà mescolare assieme 4 cucchiai di aceto con il succo di un limone. Il composto che ne verrà dovrai diluirlo in acqua e spruzzarlo con un banale spray sulla superficie da detergere. Ricorda sempre di pulire utilizzando un panno morbido che non graffia e rovina la superficie su cui andrai a lavorare. Dopo una veloce passata il risultato sarà più che soddisfacente.

Regola n°6

L’odore dell’aceto non ti piace? Niente paura, la soluzione c’è ed è il bicarbonato. Prendi del bicarbonato puro e strofinaci sopra lo spazzolino da denti che non usi più e poi sfregalo sulle superfici che intendi pulire. Questo è un ottimo metodo per smacchiare l’acciaio più rovinato.

Regola n°7

Per l’acciaio ossidato o arrugginito la soluzione naturale è alla portata di tutti, richiede solamente un po' di pazienza. Innanzitutto riempiamo il lavello o una bacinella con acqua, limone e aceto. A questo punto immergi l’oggetto in acciaio ossidato e lascialo lì per 4-5 ore. Trascorso questo tempo puoi tirarlo fuori e strofinare la parte interessata utilizzando una spugna con setole in plastica.

Mentre per la ruggine devi preparare una pasta di sale e limone. Una volta spalmata sulla superficie interessata e passati 30 minuti potrai ripulirla con una spugna e lucidare poi con un panno.

Sappi però che non sarà facile eliminare la ruggine, questa operazione richiede tempo e pazienza.

Comments

Leave your comment